Iscrizione Newsletter!

LETTURA NEWS

Sicurezza e salute per il personale delle Forze Armate

17/02/2013

Tutela della sicurezza e salute per il personale civile e militare: un altro stimolo per modificare il DLgs 81/08

E’ giunta alla Presidenza SIMLII una comunicazione proveniente da un folto gruppo di Medici coinvolti come “medici competenti” nell’applicazione del dlgs 81/08 nelle Forze Armate.

Segnalano che ai sensi dell’articolo 4 comma-D bis “l’ispettorato della sanità militare di esercito e marina ha stabilito che tutti i propri ufficiali medici possano svolgere le funzioni di medico competente se hanno più di quattro anni di servizio, indipendentemente dalla specializzazione.

A noi sembra che questa decisione violi se non nella forma (che andrebbe cambiata rapidamente) nella sostanza, quanto dalla legge stessa previsto in altra parte, quando  prevede, a parziale rettifica del famigerato articolo, per chi non è specializzato in Medicina del Lavoro, un master abilitante.

La nostra Società da sempre sensibile ai problemi della prevenzione in questo specifico settore lavorativo (si vedano le posizioni prese in passato sull’argomento da parte di Presidenza e Direttivo; la costituzione del gruppo di lavoro sulle forze dell’ordine e quello sui vigili del fuoco) nel ribadire il suo impegno per una rapida modifica dell’81 (sulla quale sta operando il Gruppo Medico competenti, Medici dei Servizi) invita i responsabili della sanità militare a rivedere una disposizione che di fatto  discrimina i lavoratori loro affidati, per i quali contrariamente agli altri, si prevede un livello di tutela quanto meno nello svolgimento delle funzioni proprie dei medici competenti (dalla valutazione dei rischi alla sorveglianza sanitaria, alle attività di prevenzione e formazione) ben diverso da quello che possono garantire Medici del Lavoro specializzati o ad essi dalla legge equiparati.